Sensori di livello a ultrasuoni per ogni misurazione: sensori a forcella e a fascetta

Quando il liquido non può essere contaminato oppure è chimicamente aggressivo, il nostro sensore di livello ad ultrasuoni può rappresentare una soluzione ottimale.

Il sensore di livello ad ultrasuoni, fissato all’esterno della tubazione, genera un’onda ultrasonora che attraversa la parete del tubo e viene attenuata in modo differente se il contenuto è gassoso (aria o altro gas) oppure liquido, tra cui gas liquefatto, permettendo di capire se un tubo è pieno di liquido oppure vuoto.

Filtra per marchio

Il sensore di livello ad ultrasuoni può essere utilizzato con liquidi a base acquosa e bassa viscosità, indipendentemente dal colore e dalla densità, contenuti in tubi di materiale plastico, vetro o metallo omogenei. Si tratta pertanto di un sensore versatile in numerose applicazioni che richiedono la verifica della presenza di liquido all’interno di tubi senza contatto, per esempio nell’industria farmaceutica, chimica, alimentare e delle biotecnologie.

Il fissaggio a fascetta consente inoltre la facile installazione senza modifiche costruttive, rendendo questo sensore ad ultrasuoni ulteriormente vantaggioso nell’aggiornamento di impianti già esistenti senza onerosi interventi e lunghi fermi di impianto.

Livello liquidi nel serbatoio:
Misurare il livello di liquido presente all’interno di un serbatoio è possibile applicando il sensore sul tubo indicatore esterno, il cui livello sarà uguale all’interno del serbatoio secondo il principio dei vasi comunicanti.
Tubo pieno/vuoto:
Il costante monitoraggio della presenza di liquidi all’interno dei tubi nell’industria di processo sarà possibile in totale assenza di contaminazione ( biotecnologie, farmaceutica, alimentare ) e in presenza di fluidi estremamente aggressivi ( industria chimica ).

Sensore di livello ad ultrasuoni: usi e caratteristiche

I misuratori di livello ad ultrasuoni commercializzati da Repcom sono stati sviluppati specificatamente per applicazioni industriali nelle quali sia necessaria la rilevazione senza contatto (non invasività): quando il liquido non può essere contaminato oppure quando l’aggressività chimica del liquido è tale da renderlo incompatibile al contatto diretto con un sensore.
Perché i sensori di livello ad ultrasuoni funzionino correttamente, devono aderire al tubo senza che ci siano residue intercapedini d’aria che attenuerebbero l’onda ultrasonora. Inoltre il liquido da misurare deve essere omogeneo; sospensioni di corpuscoli solidi possono causare problemi di funzionamento del sensore.
I sensori di livello ad ultrasuoni sono disponibili in due versioni:

  • sensori a forcella per tubi morbidi in plastica: il tubo che contiene il liquido, inserito all’interno del sensore, si deforma e aderisce in modo sicuro al sensore stesso. Il tubo può essere successivamente rimosso e sostituito senza l’utilizzo di attrezzi e in tempi brevi.
  • sensori a fascetta per tubi rigidi in plastica, vetro e metallo, anche acciaio INOX: il sensore è dotato di una fascetta di plastica con la quale viene fissato alla tubazione in modo sicuro. La totale non invasività permette di aggiungere il sensore con grande facilità a un impianto in funzione senza interrompere il processo.

I nostri sensori di livello a ultrasuoni si adattano automaticamente e dinamicamente alle condizioni ambientali, garantendo un alto grado di stabilità della misura.
La presenza di un microprocessore a bordo permette di programmare il sensore ultrasonico di livello modificando parametri di funzionamento come il tempo di risposta o il tipo di uscita e di adattare il sensore a tubi di spessori e materiali differenti.
Sono disponibili sensori di livello a ultrasuoni in acciaio per utilizzo in aree ATEX.

I misuratori di livello ad ultrasuoni commercializzati da Repcom possono essere utilizzati nell’industria farmaceutica, alimentare e chimica, oltre che nelle apparecchiature elettromedicali.

RICHIEDI INFORMAZIONI

Accetto i termini di utilizzo.

Iscriviti alla nostra newsletter