Sensori di pressione

I sensori di pressione sono componenti elettronici che trasformano la grandezza fisica “pressione” in un segnale elettrico. La maggior parte dei trasduttori di pressione utilizza una membrana più o meno rigida che, sottoposta alla pressione, subisce una deformazione successivamente trasformata in segnale elettrico da una piezoresistenza.

La deformazione della membrana di un sensore di pressione è proporzionale alla differenza tra le pressioni che incidono sulle due facce della membrana stessa. Una faccia è spinta dalla pressione oggetto di misurazione, mentre sull’altra incide:

  • Il vuoto, se si parla di sensore pressione assoluta;
  • La pressione atmosferica, se si tratta di un sensore di pressione relativo;
  • Un’altra pressione da misurare, nel caso di un sensore pressione differenziale.

Per questo motivo i sensori di pressione assoluta e relativa hanno una sola porta per la connessione della pressione, mentre un sensore di pressione differenziale ne ha due. Se si connette la porta di riferimento di un sensore differenziale alla pressione atmosferica, esso si comporta come un sensore di pressione relativo.
Le caratteristiche costruttive della membrana e del contenitore possono rendere i sensori di pressione compatibili con aria o gas secchi, liquidi o sostanze aggressive.

Sensore pressione assoluta e sensore pressione atmosferica

Una tipologia particolare di sensore pressione assoluta è il sensore pressione barometrica, dispositivo in grado di misurare la pressione atmosferica con range tipico di misura di 800-1100 mbar. Un intervallo di misura così ristretto permette di avere un’ottima risoluzione per apprezzare ogni minima variazione della pressione atmosferica.

Sensori di pressione relativa in acciaio

Nel caso di questi particolari sensori di pressione relativa sia il contenitore esterno che la membrana sono realizzati in acciaio inossidabile. Per questo sono sensori molto robusti e utilizzabili con gas e con liquidi, anche aggressivi.
Tipicamente possono misurare alte pressioni, mentre non sono disponibili per pressioni estremamente basse.

Sensore pressione differenziale per la misurazione di piccole pressioni

Per misurare pressioni differenziali dell’ordine del Pascal (0,01 mbar) è necessario utilizzare un particolare sensore pressione differenziale senza membrana.
Questa tipologia di sensori di pressione differenziale utilizzano la capacità dei gas di trasportare il calore.
Le due porte del sensore sono collegate tra loro da un micro-canale nel quale di affaccia un elemento riscaldante; esso fornisce calore al gas che vi fluisce e innalza localmente la sua temperatura. Maggiore è la differenza di temperatura tra due punti a monte e a valle del riscaldatore, maggiore è il flusso e quindi la differenza di pressione tra le due porte del sensore.
Date le dimensioni micrometriche delle parti attive di questi sensori di pressione e l’assenza di parti in movimento, essi sono molto sensibili alle basse pressioni, stabili nel tempo e non presentano fenomeni di isteresi.

La gamma di sensori di pressione commercializzati da Repcom copre tutte le tipologie di sensori sopra citate: sensore pressione assoluta, sensore di pressione relativa e sensore pressione differenziale dotato di membrana, oltre a sensori di pressione differenziali a bassissimo fondo scala.
Per tutte le famiglie di prodotti siamo in grado di fornire supporto tecnico durante le fasi di scelta del trasduttore di pressione e di sviluppo della scheda che lo ospiterà.

La nostra forza è la consulenza professionale e personalizzata

Non sai quale sensore sia più indicato per la tua applicazione? Vorresti un parere tecnico per scegliere il prodotto giusto?  

Chiamaci adesso al numero:
+39 039 6093756

    Oppure compila il modulo: verrai ricontattato appena possibile:

    Il nostro assortimento completo